lunedì 27 ottobre 2008

Troppa civiltà che diventa incivile...





Sì, so benissimo che non è una post adatta per questo periodo di pioggia e alluvione, ma mi dovete credere che non ce la facevo proprio più. Chi vede le foto penserà sicuramente che si tratta del mio solito apello per cercare di sensibilizzare la gente circa le situazioni disumane in Africa, beh questa volta non è esattamente così in quanto si tratterebbe della nostra cara Italia. Ogni volta che vado alla mia ambasciata, e ci vado spesso per lavoro, inevitabilmente mi trovo sempre a sopportare il disaggio che provo vedendo questa fontana, a 150m, che continuamente spreca una cosa preziosa che molte persone nel mondo cercano disperatamente, anche in Italia. Spesso, ho visto dei documentari, come nella foto, che raccontano le difficoltà di molti cittadini italiani, specialmente nel meridione, ad avere acceso all'acqua potabile. Infatti, molti di loro dovranno addirittura utilizzare acqua minerale per poter fare il bucato o per il WC mentre a Roma, e sicuramente in molte altre città d'Italia, si vedono sprecare questo bene che, giorno dopo giorno, diventa sempre più caro è più scarsa. Dove vivo ora, sento delle persone che hanno difficoltà a pagare la bolletta d'acqua.
Ho sentito anche molte volte raccontare della siccità che ormai è molto frequente nel nord Italia, chi non si ricorda il Po che spesso diventa asciutto a scapito dei numerosi agricoltori che dipendono da esso. Non voglio neanche toccare la questione dei paesi poveri che approfitterebbero, direttamente o indirettamente, dall'eventuale intelligenza nell'utilizzo d'acqua in occidente - a pensare che ci vorrebbe solo un semplice rubinetto per risparmiare tanta acqua, tanti soldi, tanta ecologia e ambiente, tante sofferenze e soprattuto la tanta rabbia in me!

Blessing Sunday Osuchukwu

17 commenti:

calendula / trattalia ha detto...

ti prego fallo notare a chi di dovere, non lasciare che vada avanti tuto così, anche noi cittadini dobbiamo fare la nostra parte, segnala la cosa, INCAZZATI!! Se e necessario, perchè i rubinetti sempre aperti sono stati aboliti da almeno 20 anni...
Un saluto dalla Sardegna assolata e molto molto ventosa...

salvo ha detto...

Caro Blessing, hai toccato un argomento che nel prossimo futuro diventerà talmente drammatico che ptrebbe addiruttura fare scoppiare delle guerre.
Qui a Torino, per l'acqua non abbiamo problemi ma come dici tu in molte regioni Meridionali il problema esiste gia da tempo.
In Africa poi è gia un problema drammatico. L'acqua è la vita, senza l'acqua si muore,
ti saluto caramente
Salvo

Aliza ha detto...

ti capisco ed hai ragione!!
sei sensibile e l'indifferenza ti indigna. Con la tua organizzazione delle domeniche ecologiche, non potete mandare una lettera di segnalazione al Comune oppure alla società dell'acqua??
Ti saluto Blessing, mi sono ripresa in salute, ciao A.

Shara ha detto...

Come hai ragione Bles... e purtroppo le fontane che scorrono a vuoto e che non è possibile chiudere, sono ancora parecchio diffuse.... è veramente una vergogna!!

♥gabrybabelle(#..#) ha detto...

invece fai bene ,caro Bless a sensibilizzare,a parlarne,a scriverne.se scrivi acqua in italia su Google vedrai quanti siti,blog e altro danno informazioni sullo spreco che si fa' in questa nazione-Sopratutto al sud dove anche la raccolta
delle acque reflue fa conto su....tubazioni colabrodo che raccolgono a malapena il 30 % del 100%-Ti scrive Calendula che vive in sardegna-LI hanno tre grandi baCINI di raccolta e nell'estuario del "Coghinas" è piu l'acqua che perde che quelle che rimane,ma ad ogni modo è cosi dapppertutto in italia, a parte pochi bacini di eccellezza,il resto è tutto un colabrodo poi abbiamo anche i politici che ci mettono il loro carico da 90,cercando di privatizzare come se quello fosse l'unico modo per arginare questi problemi-Al contrario al sud si sono ritrovati a pagare bollette astronomiche,propio ieri ho letto in un blog che la stessa cosa è successa in un paese della democraticissima Toscana,privatizzano convinti che....per poi accorgersi che l'acqua costa piu che l'oro colato Come ho scritto in altri momenti,questa sara' la prossima battaglia nel mondo ,per tutti-L'oro bianco del futuro,l'acqua ,senza di essa c'è solo la morte come sai,ciao Bless,credo che anche su questo blog dovro' prima o poi riprendere questo argoemnto.Gabrybabelle

Silvia ha detto...

Hai ragione, hai fatto bene a puntare l'attenzione su questo spreco insensato. Il più delle volte, noi che abbiamo la fortuna di non avere penuria di acqua non ci rendiamo conto di quanto sia preziosa e del fatto che il grosso della popolazione mondiale non ha accesso a tale risorsa indispensabile per la vita. Il 22 marzo è il world water day e i dati che traccia, di anno in anno, sono drammatici. Dobbiamo prendere coscienza e combattere affinché gli sprechi siano abbattuti e che l'acqua sia di facile accesso per TUTTI.

stella ha detto...

Blessi la carenza d'acqua è un fatto reale.

Mi indigno pure io quando la vedo sprecata!

Ti sei integrato molto bene e mi fa piacere!

qwerty ha detto...

sarebbe bello fare uno scambio di links fra i nostri blog, e scambiare anche lavori letterari, pensieri, culture diverse! che ne pensi? a presto!

Luana ha detto...

Blessing hai pienamente ragione, lo spreco è inciviltà e mancanza di rispetto per il prossimo! Fai bene ad indignarti e Calendula ha ragione dovresti far notare la cosa...spero che il Comune di Roma sia più sensibile, rispetto ad altri. Qui dove abito, spesso e volentieri si rompe qualche tubatura dell'acqua potabile, non si capisce mai il perchè, si chiama il comune per farlo aggiustare, visto che un tubo rotto vuol dire acqua che fuoriesce dal sottosuolo e si spreca, e gli operai arrivano dopo giorni e giorni e giorni e giorni di attesa. E l'estate poi siamo costretti a giorni di rubinetti secchi :(.
Saluti e abbracci

ღღ Š î $↕ Ŧ ۞ ღღ ha detto...

Cominciamo tutti come una goccia nell'oceano a notare gli sprechi anche nostri.
Sembra poco ma tutto aiuta.
Ciao Sisifo

lucagel1 ha detto...

Caro amico l'acqua è l'oro nero del vicinissimo futuro se non del presente.Inquiniamo,nel nome del profitto,sprechiamo,nel nome del profitto,violentiamo madre Terra nel nome del profitto...Sì le pioggie diminuiscono e quando arrivano fano danni tremendi,però c'è un giro affaristico malavitoso su di essa da paura,e le multinazionali che producono acqua in bottiglia,vogliono farci credere migliore di quella del rubinetto...in certe zone non hanno acqua perchè qualcuno non vuol farla arrivare,per interesse...e come al solito ce ne accorgiamo tardi...Ciao amico a presto

Rosa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

@ Tutti
La vostra sensibilità a certe cose mi da quel pizzico di speranza che il nostro mondo sopravviverà, nonostante tutto, grazie alle persone come voi. Ho giustamente fatto la segnalazione al Comune di Roma.

@ qwerty
sei il/la benvenuto/a, perché no per lo scambio dei links.. sono onorato.

Tanti saluti a voi!

Domenico ha detto...

lo spreco avvolte crea indifferenza l'indifferenza col tempo ci porterà alle guerre . riesci in ogni modo nelle cose piccole a dimostrare che far presente queste cose è importante
un saluto affettuoso da Domenico.

lasettimaonda ha detto...

Si, anche a me dispiace da morire quando vedo sprecare l'acqua con tanta leggerezza.
Eppure c'è ancora molto da imparare, da educare, da sensibilizzare e tu fai bene!
Intanto qui in Brianza piove e non poco e le bollette sono piuttosto salate, ahimè.
Bere l'acqua del rubinetto....si, l'ho fatto fino a due anni fa, poi quando hanno chiuso l'acquedotto del paesello sotto a quello dove abito, per contaminazione da colibacilli...beh, sono tornata all'acqua in bottiglia, anche se hanno rimesso tutto a posto.
Un abbraccio da sotto il diluvio!Syl

Luana ha detto...

fratello ciau :)...ehi se ti va, ci sono dei piccoli omaggi per te, fanne quello che vuoi...ciao e buona serata.
Ti abbraccio

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Il problema dell'acqua è ovviamente serissimo. Io quello che non sopporto sono quelle fontanelle (non alludo alle opere d'arte come Fontana di Trevi per es ma proprio alle fontanelle pubbliche) che spesso hanno l'acqua che scende costante senza possibilità di chiudere il rubinetto. Sono inconcepibili.